Acconsento all'utilizzo dei cookie
Ok Accetto Info Informazioni
4

Tour in Normandia: dai luoghi dello sbarco a Mont-Saint-Michel

Siti Unesco, “i più bei villaggi di Francia” e meraviglie della natura. Dal mare ai monti passando per la campagna, la Normandia offre le esperienze più diverse alle porte di Parigi. Scoprite le immense spiagge famose per lo sbarco degli americani, le città portuali, le cattedrali medievali, i pittoreschi villaggi, gli atelier degli artisti, l’incanto delle maree.

Perchè visitare la Normandia
Ha fatto innamorare artisti come Monet che a Giverny si è trasferito e ha dipinto le sue famose ninfee. Ha ispirato Maupassant davanti alle bianche falesie di Etretat o i monaci benedettini che hanno costruito un'abbazia sul Mont-Saint-Michel.
Ha visto Guglielmo il Conquistatore partire alla volta dell’Inghilterra e Giovanna d’Arco bruciare nella piazza di Rouen. La Normandia ha un’antica storia che riesce a preservare nonostante sia sempre al passo con i tempi.
Oggi richiama le più grandi star al festival del cinema americano di Deauville, parigini in cerca d’aria fresca, intenditori di formaggi, sidro e calvados, amanti dell’equitazione e della vela.
Tradizionale ma a volte sorprendentemente moderna, rurale ma a volte mondana. La Normandia è tutto questo e ciò che ognuno scopre in ogni singolo villaggio.

Segui il nostro itinerario con i principali siti d’interesse per scoprire la Normandia a seconda del tempo che hai a disposizione:

  1. Giverny e Rouen
    I luoghi di Monet e Giovanna d'Arco
  2. La Costa dell'Alabastro e le città portuali
    Paesaggi naturali, strade pittoresche e attrazioni storiche
  3. Deauville e la Côte Fleurie
    Le spiagge mondane della Normandia
  4. Caen e le spiagge del D-Day
    I luoghi dello sbarco in Normandia
  5. Mont-Saint-Michel
    L’abbazia circondata dalle maree

Giverny e la variopinta maison di Monet

In questo villaggio dallo charme eterno la luce è come in nessun altro posto, diceva il maestro dell’impressionismo, Claude Monet, che qui visse dal 1883 fino alla sua morte nel 1926. A un’ora di treno da Parigi, Giverny era il buen retiro del pittore ma anche degli innumerevoli turisti che oggi arrivano da tutto il mondo.

Arrivando alla stazione ferroviaria di Vernon-Giverny salite subito su una delle navette dirette alla casa di Claude Monet, preferibilmente nelle belle giornate scegliete il trenino per un tour attraverso il centro di Vernon accompagnato da un audio che offre interessanti informazioni storiche.

Visitate quindi la residenza del pittore per immaginare la sua vita quotidiana tra i suoi mobili, le stampe giapponesi e l’atelier tappezzato di dipinti. Soprattutto perdetevi nell’incantesimo di acqua e luce dei suoi giardini. Il tempo sembra fermarsi davanti al ponte giapponese sul laghetto in cui galleggiano le meravigliose ninfee. Questo paradiso naturale ha ispirato due delle tele più famose di Monet.

Per approfondire la pittura di Monet e il movimento dell’impressionismo visitate, invece, il Musée des Impressionismes. Una volta arrivati al museo potrete acquistare un biglietto unico per la casa, i giardini e il museo.

Per la pausa pranzo potete scegliere tra la Brasserie des Artistes nel Musée des Impressionismes e il più rustico ristorante dell’antico Hotel Baudy, rifugio di numerosi artisti tra cui Cézanne e Rodin che venivano a Giverny a cercare ispirazione.

Se vi trovate ad andare a Giverny tra fine agosto e inizio settembre consultate il programma del festival internazionale di musica da camera. Infine, salite a bordo di un antico treno per scoprire la valle dell’Eure.


Rouen e i luoghi di Giovanna D'Arco

Vera città-museo, Rouen è anche soprannominata “città dai 100 campanili”. Teatro del martirio di Giovanna d’Arco, bruciata nel 1431 nella place du Vieux Marché, oggi Rouen è un meraviglioso esempio di cittadina normanna dalle case a graticcio, stradine in pietra e chiese gotiche.

Roen Normandia

Visitate la Cattedrale Notre-Dame, capolavoro dell’architettura gotica che ha ispirato a Monet la sua serie delle cattedrali. Viaggiate nel tempo al Gros-Horloge, uno dei più antichi d’Europa. Entrate per scoprire la sala dei quadranti e gli appartamenti del governatore dell’orologio. Non perdete il meraviglioso panorama dalla cima.

Nella place du Vieux Marché, dove venne messa al rogo Giovanna d’Arco, sorge la chiesa Sainte Jeanne d’Arc dalle vetrate del XVI secolo che merita una visita. Continuate l’itinerario alla Tour Jeanne d’Arc in cui si svolse il processo e infine all’Historial Jeanne d’Arc per approfondire il personaggio dell’eroina francese.

Addentratevi poi in uno dei quartieri più antichi di Rouen per visitare la chiesa Saint-Maclou, gioiello dell’architettura gotica.

Tra i musei non perdete il Museo delle Belle Arti ma soprattutto il Panorama XXL, l’unico spazio culturale in Francia a esporre i giganteschi affreschi dell’artista tedesco Yadegar Asisi, 31 metri di altezza per 32 di larghezza.

Tra i tanti ottimi ristoranti di Rouen, fondamentale è la sosta a La Couronne per assaporare l’autentica cucina normanna. È la più antica locanda di Francia, poiché risale al XIV secolo, dalla caratteristica faccia con travi in legno a vista che ha resistito ai bombardamenti del 1944. Un luogo mitico dove re e regine, capi di Stato, artisti, vedettes e scrittori si sono seduti alle sue tavole.

MIGLIORI TOUR E ATTIVITÀ A ROUEN


Etretat e la romantica costa dell'Alabastro

Etretat Normandia scogliera

Romantico teatro naturale, la costa dell’Alabastro incanta con le sue bianche scogliere a strapiombo sulla Manica.

Passeggiate lungo il tratto di costa da Etretat a Sainte-Adresse per ammirare le falesie, sculture scolpite dall’acqua e dal vento che lasciano viaggiare l’immaginazione.

Maupassant ci aveva visto un veliero che attraversava l’arco della Manneporte

Cercate poi il “trou à l’homme” che nei momenti di bassa marea vi farà accedere alla spiaggia di Jambourg. E fatevi raccontare antiche storie e leggende.

Per un pranzo con vista falesie, fermatevi al Dormy House dove degustare le specialità della regione, pesce fresco e crostacei. Paradiso degli sportivi, Etretat, inoltre, è il posto ideale per vela, kayak, golf e trekking. Ricordate che in primavera-estate, la costa dell’Alabastro è sovraffollata.

PRENOTA UN TOUR IN NORMANDIA


Honfleur, una cartolina sul vecchio porto

Honfleur Normandia Francia

Città portuale dalle stradine pittoresche che ha fatto innamorare numerosi artisti. Passeggiate tra le piccole case in legno e ardesia, boutiques e monumenti dell’antica città dal ricco patrimonio artistico e culturale.

Iniziate il percorso dal Vieux-Bassin, la cartolina di Honfleur: le strette case dai diversi colori si riflettono nell’acqua del porto nel cuore della città.

Proseguite fino alla Lieutenance, così chiamata perché un tempo dimora del luogotenente del re, è l’ultimo resto delle antiche fortificazioni della città.

Visitate poi la chiesa di Santa Caterina, tutta in legno, e il Museo della Marina, dove scoprire le appassionanti storie di esploratori come Roberval, partito per il Canada nel 1541. Testimonianza, però, delle prime esplorazioni che hanno segnato gli inizi della colonizzazione della nuova Francia, il Canada, è la cappella Notre-Dame-de-Grâce.

Proseguite al museo Eugène Boudin per ammirare le opere di pittori come Courbet, Monet e Boudin che si sono lasciati ispirare dalle luci mutevoli del cielo di questa città sull’estuario della Senna. Infine, visitate Les Maisons Satie che rendono omaggio al grande compositore nato a Honfleur nel 1866.

Una curiosità: I depositi di sale del 1670 che potevano contenere 10 000 tonnellate di sale, oggi ospitano mostre, concerti ed eventi tra cui il festival di cinema russo.

Per gli amanti della buona tavola, scegliete il ristorante La Bisquine se volete mangiare frutti di mare nel porto vecchio, La Tortue nel centro storico per una cena a base di prodotti freschi del mercato o la ferme Saint Siméon per una elegante cucina normanna rivisitata.

Honfleur, inoltre, è un ottimo punto di partenza per il pays d’Auge, per alcuni la vera Normandia di verdi prati e case di campagna dove perdersi tra meleti e aziende agricole. In programma, degustazioni di sidro, calvados e formaggi. In particolare assaggiate il Camembert, il Pont-l’Évêque e il Livarot.

Da non perdere, il ponte della Normandia: è uno dei più grandi ponti al mondo che collega l’Alta alla Bassa Normandia. Attraversate il ponte per visitare Le Havre.


Le Havre, la cittadina patrimonio dell'UNESCO

Le Havre Normandia Francia

Dal XIX secolo grande città industriale, Le Havre fu distrutta in gran parte dai bombardamenti del 1944 ed è poi rinata grazie a un architetto visionario, Auguste Perret, poeta del cemento.

Riconosciuta patrimonio dell’UNESCO, Le Havre ha di che stupirvi.

Tra i rari monumenti della città che datano del XVI secolo la cattedrale Notre-Dame merita una visita, ma poi lasciatevi stupire dal museo d’arte moderna André Malraux, dal giardino giapponese o il Vulcano, moderno spazio culturale disegnato da Oscar Niemeyer.

Fermatevi da Jean-Luc Tartarin per assaggiare l’alta gastronomia di Le Havre, al moderno Le Margote o alla crepêrie Maryvonne.

SCOPRI I MIGLIORI TOUR A LE HAVRE


Deauville e la Côte Fleurie: la spiaggia dei parigini in vacanza

Deauville Normandia Francia

A mezz’ora di auto da Honfleur lungo la Côte Fleurie troverete Deauville, la mondana. È una stazione balneare conosciuta nel mondo per eleganza e buon gusto, autoproclamatasi 21° arrondissement di Parigi.

A due ore dalla capitale, Deauville è considerata, infatti, la spiaggia di Parigi.

Sullo sfondo delle lunghe distese di sabbia, Deauville diventa ritrovo delle stelle del grande schermo durante il festival del cinema americano che si svolge a inizio settembre nell’elegante Centro Internazionale.

Merita una visita il leggendario casino che dal 1912 ha visto passare attori di Hollywood, star e starlette. Ma gli appassionati di cavalli non si perdano il famoso ippodromo, costruito nel 1864 dal duca di Morny, padre della Deauville moderna e appassionato di equitazione.

Se potete, infine, visitate la villa Strassburger, tipica casa dell’Auge costruita dal barone Henri de Rotschild nel 1907 e acquistata nel 1924 dal miliardario americano Ralph-Beaver Strassburger.

Per pranzo fermatevi da Augusto Chez Laurent, per una cucina raffinata in un ambiente marino che fa dell’aragosta la sua specialità, e per cena a La Belle Epoque dell’hôtel Normandy Barrière. Infine, rilassatevi su un lettino ai bagni pompeiani tra ombrelloni colorati e vasche ornate di mosaici. Tutto concorre alla leggenda.

Volendo, percorrete la Promenade des Planches per fare un salto alla vicina Trouville-sur-Mer, tranquillo porto normanno scoperto da artisti diventato famoso come stazione balneare per famiglie. 

SCOPRI I TOUR E LE ATTIVITÀ DA NON PERDERE A DEAUVILLE


Caen e le spiagge del D-Day: itinerario sui luoghi dello sbarco

Caen sbarco normandia scultura

Città millenaria che visse la sua età d’oro sotto Guglielmo il Conquistatore, Caen fu distrutta in gran parte durante la seconda guerra mondiale ma ha saputo reinventarsi.

Attiva, studentesca, culturale, l’antica città industriale e porto commerciale saprà sedurvi.

Passeggiate per le vie della città medievale e poi visitate ciò che resta del patrimonio di Guglielmo il Conquistatore: il castello che oggi accoglie il Museo delle Belle Arti e il Museo della Normandia, l’Abbazia delle donne costruita dalla Reine Mathilde, pendant dell’Abbazia degli uomini, capolavoro di architettura romanica, gotica ed eleganza classica.

Passate per il pittoresco quartiere del Vaugueux dove visse la famiglia di Edith Piaf. Una vasta scelta di ristoranti di cucina tipica dall’atmosfera conviviale si offrirà ai vostri occhi.

Inevitabile, infine, la tappa al Memoriale di Caen dove potrete rivivere il famoso sbarco degli americani sulle spiagge della Normandia, in quel memorabile 6 giugno 1944, che rese possibile alle forze alleate di liberare l’Europa dall’invasione nazista.

Dirigetevi, dunque, verso le spiagge dello sbarco, a mezz’ora di auto da Caen: Sword beach, Juno beach, Gold beach, Omaha beach e Utah beach. Il tratto di costa è lungo circa 90 km, potreste percorrerli autonomamente in auto o lasciarvi portare da un tour guidato del museo-Memoriale e dello spiagge dello sbarco. 


Bayeux, un tesoro medioevale della Normandia

Bayeaux normandia francia

Miracolosamente risparmiata dai bombardamenti del ’44, Bayeux, città faro del ducato di Normandia, preserva tuttora la sua autenticità.

Prima tappa, la Tapisserie, dove potrete ammirare il famoso arazzo che celebra la conquista normanna dell’Inghilterra del 1066 ad opera di Guglielmo il Conquistatore.

Perdetevi nelle stradine del centro medievale, visitate la cattedrale Notre-Dame, inaugurata nel 1077 dal duca di Normandia.

Per continuare il percorso sui luoghi del D-Day, visitate il Museo Mémorial della battaglia di Normandia che ha visto Bayeux diventare la prima città liberata la mattina del 7 giugno ’44. Altrimenti visitate il museo del pizzo, il giardino botanico o il Musée Baron Gérard. Alle famiglie consigliamo il labirinto di Bayeux.

Per ristorarvi a Bayeux, esplorate le stradine medievali e cercate i passaggi segreti in cui si nascondono affascinanti bistrot come La Rapière.

Se andate a Bayeux d’estate, ricordatevi che il 6 e il 7 luglio la città ritorna all’epoca dei duchi di Normandia con le feste medievali tra mercati, taverne e saltimbanchi. A un quarto d’ora di auto da Bayeux, Port-en-Bessin-Huppain, invece, festeggia la conchiglia Saint-Jacques a novembre tra menu marini e musica dei pescatori.

SCOPRI COSA FARE A BAYEUX


Mont-Saint-Michel: la mistica isola della Normandia

Un’abbazia su un monte o su un’isola, una messa in scena della natura che cambia secondo le maree, i venti, la luce. Mont Saint-Michel, patrimonio UNESCO dal 1979, è uno dei siti turistici più visitati di Francia. “Il Mont Saint-Michel è per la Francia quello che la Grande Piramide è per l’Egitto”, disse Victor Hugo.

Dunque, parcheggiate l’auto a circa 800 metri dall'isola, da qui dirigetevi verso la Place des Navettes e prendete la navetta gratuita, Passeur, per il monte. Attraversate a piedi nudi la baia, ma fate attenzione, il Mont-Saint-Michel è teatro delle più grandi maree d’Europa.

È consigliabile farsi accompagnare da una guida (Mont Saint-Michel: tour con audioguida in italiano o scegliere l'opzione che offre biglietto e visita libera all’abbazia del Mont-Saint-Michel.

Salite, così, sul monte che ospita l’abbazia benedettina del Mont-Saint-Michel, capolavoro di architettura religiosa e militare del Medioevo. Non perdete la terrazza a ovest, belvedere ideale per ammirare la baia, soprattutto durante le maree. Durante tutto l’anno, visite, animazioni e concerti di musica classica ritmano la vita dell’abbazia. D’estate le passeggiate notturne assicurano l’incanto.

Poi fermatevi a osservare il fenomeno delle maree e scegliete il vostro posto di osservazione: il monte, i bastioni, la terrazza dell’abbazia, il nuovo ponte-passerella o la baia. È un piacevole momento conviviale.

Se avete ancora tempo visitate il Logis Tiphaine, la dimora storica di un cavaliere del medioevo, o lo Scriptorial a Avranches, a circa mezzora di auto, per riscoprire l’arte dei monaci amanuensi.

Per pranzo, fermatevi a La Ferme Saint-Michel per un piatto di agnello dei prati salati cotto in forno al legna, a La Mère Poulard per la famosa omelette di Annette o alla crêperie La Sirène per la tradizionale galette da accompagnare a un buon bicchiere di sidro.


Cabourg, Barfleur e molto altro...
Volendo approfondire l’itinerario, potreste inserire nel vostro viaggio anche altre località: Cabourg per rivivere l’atmosfera della Belle Époque resa celebre da Marcel Proust; Barfleur per ammirare uno dei porti più pittoreschi della Manica e mangiare le famose cozze; Château Gaillard per ritornare al Medioevo nel castello di Riccardo Cuor di Leone; o infine il villaggio che ha dato il nome al celebre camembert.

Consigli su dove dormire in Normandia

Oltre a hotel di charme e bed and breakfast nelle caratteristiche case a graticcio, la Normandia è piena di insoliti alloggi. Avete mai pensato di dormire in una barca sulla Senna, in una tenda nel parco di un castello o in una casa sugli alberi?

Cerchi un'offerta hotel in Normandia?
In collaborazione con: Booking.com

Cerchi un'offerta hotel in Normandia?

  • Prezzo più basso garantito e assistenza clienti in italiano
vedi disponibilità mostra disponibilità mostra disponibilità
In collaborazione con: Booking.com

Come arrivare in Normandia partendo da Parigi

Il nostro consiglio: La soluzione migliore per spostarsi in piena autonomia è quella di atterrare in uno degli aeroporti di Parigi e noleggiare un'auto. In Normandia c'è una buona rete ferroviaria regionale che collega le principali città ma che non passa lungo la costa e non tocca i paesini e villaggi più caratteristici.

In pullman: Ouibus o Flixbus verso Rouen, Le Havre, Honfleur, Mont-Saint-Michel.

In treno:da Gare Saint-Lazare verso Rouen, Le Havre, Dieppe, Fécamp, Évreux, Bernay, Lisieux, Deauville, Caen, Bayeux, Cherbourg. Da Gare Montparnasse verso Alençon, Bagnoles de l’Orne, Argentan, Granville, Le Mont-Saint-Michel

4
Quanto ti è stato utile questo articolo?
VIVI Parigi è parte del network VIVI CITY - Marisdea s.r.l.s. P. IVA 05305350653 Joomla!™ è un Software Libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL Creative Commons - Attribution, Non Commercial, No Derivatives 3.0