Acconsento all'utilizzo dei cookie
Ok Accetto Info Informazioni
28

5 Musei poco conosciuti di Parigi

Foto copertina "Museo Nissim de Camondo" di Ian McKellar via Flickr

L'offerta dei musei a Parigi è praticamente inesauribile. Oltre ai musei principali come il Louvre e il Museo d'Orsay, negli angoli più nascosti della capitale francese ci sono infatti anche moltissimi interessanti musei "poco conosciuti" o "minori" che meritano senz'altro una visita. Ecco una guida ai 5 musei poco conosciuti di Parigi assolutamente da non perdere.

Museo Camondo ParigiFoto di Ian McKellar via flickrMusée Nissim de Camondo

63, rue de Monceau - VIII arrondissement

Situato nel Parc Monceau, intervento urbanistico per case dell’alta borghesia immerse nel verde, fu in origine la casa di Moïse de Camondo, nato ad Istanbul nel 1870 ed arrivato a Parigi nell’infanzia. Nel 1914 fa radere al suolo la casa dei genitori e grazie all’architetto René Sergent ne fa una residenza in stile settecentesco, che a seguito della morte del figlio nella prima guerra mondiale come pilota, viene dedicata alla memoria di Nissim de Camondo, aprendo al pubblico la collezione privata di famiglia.

Innumerevoli le opere d’arte da ammirare, fra cui vi consigliamo le Appliques realizzate per il castello di Varsavia alla fine del settecento, di intenso sapore neoclassico, esempio di raffinatezza di esecuzione tecnica che solo la Francia al tempo sapeva garantire, le vedute veneziane di Francesco Guardi, l’argenteria del servizio Orloff, realizzato nel 1770 per l’imperatrice Caterina II di Russia e tanti altri capolavori della mobilia d’epoca e di tappezzerie d’autore.

Museo Jacquemart Andre topfoto via it.wikipedia.orgMuseo Jacquement-André

158, bd Haussmann

Costruito nella seconda metà dell’ottocento dall’architetto Henri Parent su commissione del ricco banchiere e deputato Edouard Andrè che insieme alla moglie pittrice Nélie Jacquemart raccolse negli anni un'invidiabile collezione privata di opere d’arte. Rappresenta uno degli hotel particulier più famosi e scenografici, un esempio mirabile di eclettismo, nell’abilità, tipica dell'arte decorativa dell’epoca, di far coesistere mobili, oggetti antichi e copie di stile. Erede di una delle più grandi fortune del Secondo Impero, Andrè viaggiò a lungo in ogni angolo d’Europa collezionando mobilia, dipinti, sculture e pezzi preziosi, tra cui le tele di prestigiosi artisti come Boucher, Chardin, Canaletto e Nattier.

Maestosa è la sala della musica, tipica del Secondo Impero, con le pareti ricoperte da tessuti di colore rosso e i mobili in legno scuro, nella quale era possibile far sparire le pareti laterali del grande salone vicino, tramite dei martinetti idraulici, per unire gli spazi destinati ai ricevimenti e dar vita a feste sontuose al ritmo della musica. Particolamente generoso l’assortimento di arte italiana rinascimentale, con opere di Carlo Crivelli, Botticelli, Mantegna, Francesco dal Cossa e Donatello (sì proprio lui).

Museo Cognac Parigifoto Foto di Anselm Pallas via flickrMusèe Cognacq-Jay

8, rue Elzevir 

Fondato nei primissimi anni del secolo scorso da Théodore-Ernest Cognacq e sua moglie Marie-Louise Jay, creatori dei famosi grandi magazzini “La Samaritaine” -oggi di proprietà del marchio del lusso LVMH- dopo numerosi spostamenti è attualmente ubicato nel Marais, disposto su 4 piani di un edificio nello stile Luigi XV e XVI.

Self-made man, Cognacq iniziò la sua folgorante avventura vendendo abiti sul Pont Neuf, e accrescendo la sua fiorente attività con l’apertura della sua prima boutique, in seguito La Samaritaine, erodendo sempre più clientela al rinomato rivale “Le Bon Marché”. La passione e l’interesse per l’arte, unita all’esigenza vitale di dimostrare la compiuta accettazione nella nuova borghesia dominante che aveva preso il posto dell’antica nobiltà parigina, portarono la coppia a realizzare una ragguardevole collezione di opere d’arte che vanta dipinti di Rembrandt, Degas, Corot, Cézanne, Tiepolo, De la Tour, sculture di Houdon, Saly e numerosa mobilia, gioielli e ceramica cinese.

Orangerie Parigi sala monetfoto di mckrista1976 via flickrMusée de l'Orangerie

Jardin des Tuileries - (Lato fiume Senna)

BIGLIETTI SALTA LA CODA

Il museo de L’Orangerie è una tappa obbligata per ogni amante dell’Impressionismo, perchè è proprio qui che si trova il ciclo delle “Nymphéas” di Claude Monet, e per le quali questa casa-museo è divenuta famosa in tutto il globo. Situato in una splendida “Orangerie” (un “giardino d’inverno” annesso ad una villa, tipico di climi freddi dove poter coltivare agrumi ed altre piante esotiche in condizioni simili alla serra) e ristrutturato nel 2006, il museo ospita la collezione privata del famoso mercante d’arte Paul Guillaume, nume tutelare di numerosi artisti dei primi anni del XX secolo come Picasso, Soutine, Derain e dello stesso Monet che donò le sue opere, nonchè sodale di Guillaume Apollinaire e Max Jacob. Sebbene le ninfee rappresentino il piatto forte dell’esposizione, L’Orangerie può vantare opere non meno ragguardevoli di Henri Rousseau, Matisse, Modigliani, Picasso e Sisley.

Museo Marmottan Monet 2foto via Common WikipediaMuseo Marmottan-Monet

2, rue Louis Boilly

Periodo fervido di iniziative culturali, di nobili caduti in rovina e borghesi rampanti, colti e intraprendenti, pronti per raccogliere il testimone della nobiltà in decadenza, la seconda metà dell’ottocento vide partecipare anche lo storico e collezionista d’arte Jules Marmottan che dapprima acquisì il padiglione dal terzo duca di Valmy, François Christophe Edmond Kellermann, quindi lo trasformò in dimora cittadina rigonfia di ogni quadro, scultura, disegno e stampa possibile.

Nella seconda metà degli anni sessanta, a seguito della morte del secondogenito di Monet, gran parte dei dipinti del padre passò alla collezione Marmottan, rendendola di fatto la collezione di Monet più corposa al mondo, e proiettandolo nell’olimpo delle esposizione impressioniste più prestigiose in Europa.

VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour
VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour
VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour

Casa-museo custode della conservazione dell’atmosfera e della cultura dell’epoca, il museo Marmottan è stata sede anche di esposizioni particolarmente originali, e non fa eccezione la mostra tenutasi fino al 5 Luglio 2015 “La toilette, naissance de l’intime”. L'interessante percorso interculturale sulla nascita del concetto di “intimità” e di “intimo” nella cultura occidentale, probabilmente unica mostra al mondo dedicata al tema della toilette, dei riti di pulizia, dei loro spazi e gesti, in un paese che ha visto la lunga trasformazione, a partire dal Re Sole Luigi XIV (e tutta la nobiltà del tempo) che espletava i propri bisogni in pubblico perchè ogni aspetto della vita pubblica del re incarnazione dello stato doveva essere alla luce del sole, fino all’ imbarazzo pudico della privacy moderna.

Conoscete altri Musei poco conosciuti di Parigi?
Lasciate un commento in basso e fateci sapere quali sono!

28
Quanto ti è stata utile questa guida?
Foto copertina "Museo Nissim de Camondo" di Ian McKellar via Flickr
VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour
VIVI Parigi è parte del network VIVI CITY - Marisdea s.r.l.s. P. IVA 05305350653 Joomla!™ è un Software Libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL Creative Commons - Attribution, Non Commercial, No Derivatives 3.0